Sentenza n. 2490-2020 del Tar Lombardia – Milano sez. II

Le valutazioni della Soprintendenza sono insindacabili nel merito

leggi la sentenza

Sentenza del Consiglio di Stato n.7700-2020 sez. IV

Le norme della riserva naturale tutelano anche le fasce di rispetto

leggi la sentenza

Sentenza del Consiglio di Stato n.6999/2020 sez. VI

L’atto di pertinenzialità per un capanno deve preesistere rispetto alla DIA in sanatoria che lo riguardi.

leggi la sentenza

Sentenza n.2233/2020 Tar Lombardia – Milano sez. II

Gli oneri edilizi vanno computati al momento del rilascio del titolo, non in convenzione.

leggi la sentenza

PARERE MINISTERO INFRASTRUTTURE DEL 19.10.2020

Il Comune non può inventare nuove tipologie di piani urbanistici.

Leggi il parere

Il sindaco rimanga al suo posto e non invada la sfera di competenza dei dirigenti

 

Dopo la legge Bassanini 127/1997 è ormai codificato il principio di separazione tra le funzioni politiche di indirizzo (in capo agli amministratori comunali) e le funzioni esecutivo-gestionali (in capo ai funzionari), per cui il sindaco non può firmare atti di competenza dei dirigenti.

La delibera di consiglio comunale che autorizza la stipula di un contratto non assume valore di atto di accettazione di una proposta di parte in modo idoneo a creare il vincolo contrattuale con l’amministrazione comunale, ma di mero atto che consente al funzionario di sottoscrivere e formare il contratto.

Un brogliaccio preliminare contenente le c.d. puntuazioni, ossia appunti preliminari utili per la definizione del contenuto contrattuale, non assume la valenza e l’efficacia di contratto, per cui sia la parziale anticipata esecuzione, sia l’eventuale mancata esecuzioni di questi punti preliminari non assume alcun rilievo in termini di adempimento od inadempimento contrattuale.

leggi la sentenza

1 2 3 4